I diritti umani e i campi ROM

Abstract:
Col l’avvento della Comunità europea, molte famiglie di etnia ROM sono venute in Italia e si sono insediate nelle periferie di molte città, in campi abusivi. Gli enti pubblici sono costretti dai dettami costituzionali a fornire a queste famiglie i mezzi necessari per vivere in modo decoroso. Ciò assicura loro privilegi che li spingono a rimanere ai margini della società.

I diritti umani e la famiglia

Abstract:
Sulla base degli articoli 30 e 31 dei RAPPORTI ETICO-SOCIALI della Costituzione italiana, i minori cui non sono garantiti o il mantenimento o l’istruzione o l’educazione possono essere sottratti ai genitori e inseriti nelle case famiglia. Si stima che siano 40mila i bambini in Italia allontanati dalla propria famiglia. In molte occasioni il provvedimento non sarebbe dettato dall’eccezionalità del caso, ma rappresenterebbe una “triste prassi che alimenta un circuito economico di milioni di euro”.

I corridoi umanitari

Abstract:
L’Italia, come stato membro dell’O.N.U ha l’obbligo costituzionale di garantire e riconoscere il diritto d’asilo alle persone che l’O.N.U. riconosce come aventi diritto a protezione internazionale. Per questo motivo che sono stati creati i “corridoi umanitari”. Mentre centinaia di italiani dormono per strada, l’Italia accoglie stranieri cui assicura vitto, alloggio, patrocinio legale gratuito, assistenza sanitaria e supporto economico.

I richiedenti asilo

Abstract:
Le istituzioni sono costrette dai diritti umani, poste a fondamento della Repubblica, a garantire a ogni richiedente asilo, vitto, alloggio, patrocinio legale gratuito, assistenza sanitaria. Queste garanzie costituzionali attirano milioni di persone verso l’Italia. Nella difficile situazione economica dell’Italia, le spese, a garanzia di questi diritti, sono sentite dagli italiani come una profonda ingiustizia.

Programma vs programmazione

Abstract:
I Principi Fondamentali della Costituzione basati sull’ideologia dei diritti umani hanno spinto i legislatori a riconoscere come fondamentale il diritto dei ragazzi a poter studiare e apprendere secondo le proprie capacità e attitudini. L’ordinamento scolastico è stato modificato per adattarlo a questo diritto. Si è provveduto, così, a eliminare i programmi e a sostituirli con la programmazione.
La scuola ha cessato di essere il luogo in cui il giovane acquisisce conoscenze e abilità cognitive, adeguate alla propria età e funzionali al benessere della società.

Statuto Albertino vs Costituzione repubblicana

Abstract:
Lo Statuto Albertino poneva a fondamento della monarchia il glorioso avvenire della Nazione.
La Costituzione italiana pone a fondamento della Repubblica i diritti umani.
Le istituzioni della monarchia erano funzionali al bene della Patria. Ciò generava coesione sociale. Le istituzioni repubblicane sono funzionali al benessere del singolo avente diritto. Ciò genera disgregazione sociale