Italexit (parte seconda)

Abstract
In questo scritto ci soffermiamo sugli articoli 81, 84 e 94 della carta dei diritti fondamentali dell’Unione e ne illustriamo le conseguenze negative per l’Italia. L’articolo 81 concerne la non discriminazione. Nel rispetto di quest’articolo, i mass media nascondono i crimini commessi dagli extracomunitari e da persone di etnia ROM. L’articolo 84 concerne i diritti del minore. In virtù di quest’articolo, famiglie extracomunitarie si prodigano per far giungere in Italia e in Europa i propri figli minorenni per sistemarli. Inoltre, se una famiglia con minore occupa abusivamente un appartamento, non può essere sfrattata senza che si sia trovata una sistemazione alternativa. L’articolo 94 concerne la sicurezza sociale e l’assistenza sociale. A causa di quest’articolo gli alloggi popolari in Italia vanno quasi esclusivamente a famiglie di extracomunitari o di etnia ROM. Inoltre sono stanziate ingenti risorse finanziarie per riconoscere/garantire il diritto a un’esistenza dignitosa a extracomunitari che entrano illegalmente in Italia e a cittadini dell’Unione Europea che occupano abusivamente suolo pubblico.

Italexit (parte prima)

Abstract
E’ opportuno che l’Italia esca dall’Europa e dall’euro per motivi sia finanziari sia sociali. Dal punto di vista finanziario, è risaputo che la federazione di più Stati con la stessa moneta avvantaggia quelli con un’economia forte e svantaggia quelli con un’economia debole. L’Italia, con un’economia più debole rispetto alla Germania, all’Austria, all’Olanda e ad altri paesi, è danneggiata dalla moneta comune. Per quanto concerne il punto di vista sociale, l’Italia è costretta dalla Costituzione Europea a riconoscere/garantire una pluralità di diritti a cittadini europei ed extracomunitari. Milioni di extracomunitari approfittano di queste norme costituzionali per venire in Italia e in Europa creando degrado ambientale e disagi sociali. In questa prima parte dell’Italexit sono illustrati alcuni articoli della Costituzione Europea che ci obbligano ad agire a vantaggio dei migranti contro la comunità italiana.

I centri sociali

Abstract
I giovani dei centri sociali lottano contro le istituzioni per evitare sgomberi di edifici occupati da extracomunitari. Questo comportamento discende da un ideale di Nazione che hanno in mente. Per loro l’Italia deve essere solidale, accogliente, integrante nei confronti degli ultimi, in particolare degli extracomunitari. Si tratta dello stesso ideale di Nazione che avevano in mente i padri costituenti della Repubblica Italiana. I giovani dei centri sociali hanno accolto questo ideale come valore assoluto da conseguire senza se e senza ma. Essi sono convinti che, se tutti agissero seguendo questi ideali, il mondo sarebbe migliore. Per perseguire un obiettivo irraggiungibile (un mondo fondato sulla solidarietà e l’integrazione), i giovani dei centri sociali concorrono a distruggere il tessuto sociale dell’Italia.